Lettera22punto0 – Blog di Loris Pironi

26 giugno 2012

14 ottobre 2011

Fuori le storie dai cassetti. Perché (ri)nasce il romanzo d’appendice: pubblichiamo il nostro primo feuilleton

Come i nostri lettori avranno incominciato ad apprezzare, l’autunno porta sempre qualche novità in casa Fixing. Da un mese a questa parte abbiamo iniziato l’avventura della Terza Pagina, di stampo classico, con interviste a personaggi di spicco e con un respiro ampio. Oggi siamo lieti di annunciare un’altra ghiotta novità: per la prima volta sulle nostre pagine appare infatti un romanzo, a puntate.

S’intitola “Giovanni Meneghetti detto Gionson”, è l’opera prima (nonché ultima, e magari giunti alla fine vi dispiacerà un po’ per questa scelta), di Alessandro Carli, da anni una delle firme di Fixing. Per cominciare abbiamo scelto di giocare in casa, su un terreno sicuro, affidandoci a forze fresche e alla passione che ci accompagna in ogni spigolo (anche quelli più nascosti) del mestiere della scrittura.

Nelle prossime settimane il “Gionson” accompagnerà i lettori di Fixing (anche on line) in un percorso che sono sicuri vi lascerà qualcosa.

Poi, come Fixing, siamo pronti ad ospitare opere di altri scrittori o aspiranti tali. La nostra terza pagina non aspetta altro che storie che meritano di essere raccontate. Fatevi avanti. (more…)

3 dicembre 2010

La lista dei 100 libri da leggere (secondo la BBC?) Chi resiste a elencare i 10 preferiti?

A volte Facebook offre spunti interessanti. Anche se non sempre quello che circola in rete è vero (nel caso specifico non lo è, ma per una volta tanto è un peccato veniale).

Riporto qui sotto una nota che gira su FB che parla di libri. Il concetto è molto semplice: la BBC affermerebbe (ma così non è) che la maggior parte delle persone ha letto solo 6 dei 100 libri presenti nella  lista che copio qui sotto.

Il concetto è semplice: leggete la lista, mettete in neretto i libri letti e in corsivo quelli iniziati o non finiti o magari fatti a pezzi (nel senso di letti a brani) a scuola. Quindi mescolate bene, fate girare tra gli amici e vedete quel che succede. Il giochino è divertente.

Beh, ecco, anch’io non ho resistito. Ci ho anche aggiunto qualche nota a margine. E poi, tanto per cambiare, sono andato oltre.

Prima di arrivare al risultato del mio gioco, però, vorrei aggiungere quella che è la notizia vera, originale (a proposito, un ringraziamento ad Angelo per la sveglia!). Un meccanismo utile anche per capire come funziona la rete, con le sue distorsioni. La BBC ha davvero pubblicato una lista dei 100 libri più amati, tra gli inglesi, senza tuttavia minimanente parlare degli appena 6 libri letti da ciascuna persona. La classifica è frutto di un sondaggio tra i lettori che hanno indicato i propri libri preferiti (oltre tre quarti di milioni di voti, specifica la BBC), e la lista è leggermente diversa da quella che circola in rete.

La vera notizia la potete leggere qui.

Ecco finalmente la mia lista, commentata…

(more…)

11 maggio 2010

La redazione di Flying al Festival Mare di Libri di Rimini. Romperà il ghiaccio presentando Fabrizio Gatti e il suo “Eco della frottola”

Vi ho già parlato di Flying, la rivista on line realizzata dai ragazzi delle scuole medie del corso di giornalismo che tengo a Rimini assieme alla scrittrice Simona B. Lenic, nell’ambito del Laboratorio di Myriam.

Bene. La redazione di Flying al gran completo parteciperà ad un’iniziativa estremamente interessante, in occasione della terza edizione di Mare di libri, il “Festival dei ragazzi che leggono”, che si terrà a Rimini dal 18 al 20 giugno.

I ragazzi che hanno preso parte al corso di giornalismo del Laboratorio di Myriam – da cui è nato il magazine fatto da e per ragazzi – sono stati chiamati per introdurre il primo ospite della rassegna, il pluripremiato giornalista Fabrizio Gatti, protagonista di grandi inchieste per il Corriere della Sera e per l’Espresso, come quella sulle condizioni di vita dei clandestini detenuti nei centri di permanenza temporanea di Lampedusa. Fabrizio Gatti è stato invitato al Festival per presentare il suo libro L’eco della frottola, edito da Rizzoli. Dovrà sottoporsi alle domande dei nostri brillanti giovanissimi redattori sul tema principale del suo libro: come nasce una notizia? O meglio, come nasce una notizia falsa?

L’incontro, appunto, servirà per rompere il ghiaccio a questa terza edizione del festival. Per mettere alla prova i nostri baldi ragazzi e anche, credo, il bravo Fabrizio Gatti. Quando ci si mettono gli adolescenti sono lettori attenti fino alla pignoleria, e critici severissimi: non vorrei essere nei suoi panni…

Appuntamento venerdì 18 giugno alla Sala del Giudizio dei Musei Comunali, alle 15.

26 marzo 2010

Un pomeriggio a parlare di Afghanistan e talebani con Daniele Mastrogiacomo

Una piccola informazione, per così dire, di servizio. Domani pomeriggio, 27 marzo, a San Marino, presento il libro di Daniele Mastrogiacomo “I giorni della paura”.

Mastrogiacomo è l’inviato di Repubblica che nel 2007 saltò il fossato e passò da raccontatore di notizie a notizia suo malgrado, finendo catturato dai talebani. La sua storia, i retroscena, l’inquietante dover convivere con la paura, Mastrogiacomo l’ha raccontato nel suo libro. Insieme ne parleremo alle ore 18 al Villino Bonelli di Montecchio (San Marino), nell’ambito della rassegna Libri più Libri.

Chi fosse in giro da quelle parti è il benvenuto.

Chi volesse approfondire la notizia può farlo qui.

Qui invece un link per saperne di più sul libro.

8 ottobre 2009

Nobel, Herta Mueller nell’olimpo della Letteratura. Quest’anno è il rosa il colore del premio: spopolano le donne

Herta Mueller_Premio Nobel LetteraturaSegnatevi questo romanzo: “Il paese delle prugne verdi”. È stato pubblicato qualche anno fa da un piccolo editore di Rovereto, Keller. Se per caso riuscite a trovarlo, vi ritroverete nelle mani probabilmente (non lo posso assicurare, io non l’ho letto) un piccolo gioiello: una delle poche opere del nuovo Premio Nobel per la Letteratura. Questa mattina a Stoccolma è stato infatti annunciato che l’atteso riconoscimento per il 2009 è andato a Herta Mueller, scrittrice e poetessa tedesca, ma di origine romena, nata nel 1953 a Nitzkydorf nel Banato Svevo. La cronaca la colloca nel novero degli scrittori e poeti rumeni in opposizione culturale al regime di Ceausescu. E infatti quello che è il suo libro più celebre, tra quelli tradotti in italiano, è proprio “Il macello di Ceausescu”. Sempre dalle cronache scopriamo che ha pubblicato il suo primo libro nel 1982 a Bucarest (“Niederungen”) e gli altri dopo aver varcato il confine della Germania, nel 1987. Tra gli argomenti trattati spicca l’arretratezza dell’ambiente in cui è cresciuta e la situazione romena, con un accento particolare posto sulla condizione della donna in questa società. Come l’anno passato, e come in tante altre circostanze, i pronostici dei bookmaker sono andati a farsi benedire: niente da fare per i principali favoriti della vigilia, l’israeliano Amos Oz, l’algerina Assia Djebar, ma anche Luis Goytisola, Joyce Carol Oates, Philip Roth, Adonis e gli italiani Antonio Tabucchi e Claudio Magris. Quest’anno, in profonda rottura con il passato, a Stoccolma va di moda il rosa: dei dieci premiati con il Nobel (tre per la medicina, tre per la chimica, tre per la fisica, più quello per la letteratura) ci sono ben quattro donne.

7 ottobre 2009

Ore d’ansia per i Nobel per la letteratura. Ma comunque vada sarà un successo (di vendite)

premio nobelPurché sia carta stampata, per me ha un fascino unico. E allora un breve tuffo nel mondo della letteratura, perché domani mattina a Stoccolma sarà annunciato il vincitore del Nobel 2009. Premetto che non ho letto nulla dei due candidati che alla vigilia sono tra quelli che si dividono le maggiori quotazioni da parte degli onnipresenti bookmaker, ovvero l’israeliano Amos Oz e l’algerina Assia Djebar, pseudonimo “forzato” di Fatima-Zohra Imalayen. Sicuramente faccio il tifo per i due italiani che potrebbero avere qualche possibilità, Claudio Magris e Antonio Tabucchi. Nella lista dei candidati spicca anche un nome illustre, quello di Bob Dylan, con le sue ballate immortali.

E poi alla fine chissà che non finisca per spuntarla un poeta.

Comunque vada, sarà un successo (di vendite). Le case editrici sono già in fibrillazione.

CLICCA QUI per leggere l’articolo di Fixing.com con le quotazioni dei bookmaker.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.