Lettera22punto0 – Blog di Loris Pironi

13 ottobre 2012

E mer. Storie del nostro mare. Per la prima e ultima volta…

Tenacia e caparbietà per far fronte ai marosi della vita, quelli che se non sei abbastanza forte ti spazzano via. Un pizzico di quell’eroismo a cui solo le persone normali sanno attingere nella sfida al destino quotidiano. E poi l’allegria della gente di Romagna, che unisce nelle difficoltà, che fa erompere un canto quando meno te l’aspetti.
Questa storia è la storia di Pnel, il cui ciuffo “a pennello” indica la direzione del vento; è un coro di pescivendole che non si piegano; è una ciurma che affronta le tempeste, pur di tornare a casa. È la Rimini degli anni Trenta che vive e che sogna. Che pensa al pesce ma riesce già a immaginare gli ombrelloni, la bella vita che verrà.
E dopo la guerra, infatti, la bella vita arriva. Porta i soldi, gli alberghi, le piscine. Porta la giusta dose di leggerezza. Porta anche altri problemi da affrontare, altre storie che s’intrecciano, davanti alla dolce risacca del Mare Adriatico.
E la vita, beh quella, la vita, in fondo va sempre presa con ironia. Anche se il tempo passa e non ritorna. Perché in fondo c’è sempre un filo indissolubile che ci lega, noi, noi tutti, al nostro mare.

Regia Stefania Succitti
In scena Simona Bisacchi Lenic, Emanuela Ceccarini, Andrea Cenni, Stefano Della Rosa, Marco Donati, Federica Fabbri, Antonella Gelsomini, Marco Imola, Valeria Marioli, Niccolò Montini, Agnese Podgornik, Maurizio Vettraino e, come si dice in questi casi, per la prima e ultima volta in scena, il sottoscritto, Loris Pironi.
Adattamento teatrale Stefania Succitti
Monologhi originali Simona Bisacchi Lenic
Scenografie Maurizio Vettraino, Andrea Cenni, Sonia De Angelis
Luci Antonio Vanzolini
Fisarmonica Cesare Succi

Questo è uno spettacolo teatrale. O un saggio, se preferite. Sicuramente è un lavoro che prova a raccontare storie che fanno parte della nostra tradizione. Storie vissute, storie familiari. Mio nonno era pescatore, ad esempio. E’ uno dei motivi, forse, per cui mi sono cimentato in una simile avventura.

Comunque sia, per chi vedrà lo spettacolo e per tutti gli altri, vi “offro” un piccolo spaccato, un monologo tratto dal testo scritto da Simona Bisacchi Lenic, mia moglie peraltro. 🙂

Si crede che il tempo vada sempre e solo avanti.
Ma nelle notti di burrasca il mare sale e scende, tutto si mescola e il tempo impazzisce.
Spunta tra le onde la ninna nanna della Seppia, la serenata di Pnel per la sua Maria, una risata… Un canto d’osteria.
Il rumore che sentite quando il mare è in tempesta sono le grida delle donne che chiamano i pescatori, sono i bombardamenti, sono una musica arrivata dall’America per farci ballare.
Il mare fa andare il tempo su e giù… C’è un tempo vicino al fondale dove Pnel litiga ancora con la Saura e guarda le belle donne. E c’è un tempo ancora più in fondo dove i sogni di Pnel sono ancora sogni. Il mare coccola quel sogno, non lo fa venire su neanche nella burrasca, lo tiene segreto come il più prezioso dei tesori, come la giovinezza.
E ride il mare, piange, e si arrabbia.
Come un grande vecchio che nessuno ascolta più.

Qui sotto potete trovare una piccola galleria di immagini di quadri di quello che è il mio pittore riminese preferito, Demos Bonini. Piccola nel senso che ho estratto quattro sue opere, ma anche che non sono ad altissima risoluzione. Le ho pescate, è proprio il caso di dirlo, sul Balnea.net, sito-museo di storia balneare che ho scoperto essere un progetto del Centro Studi Mantegazza in collaborazione con il Comune di Rimini. CLICCANDO QUI infine potete ammirare altri quadri di Bonini con il mare come protagonista.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sabato 13 e domenica 14 ottobre, ore 21 – Mulino d’Amleto di Rimini
Prenotazione obbligatoria 0541.752056 – 335.8351487

 

Annunci

1 commento »

  1. Your advice is amazingly significant.

    Commento di Visit Website — 1 agosto 2013 @ 10:16 am | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: